Flussi migratori

Immigrati

  • La circolazione degli esseri umani dovrebbe essere libera. E i flussi migratori di oggi non sono liberi, ma forzati (per varie cause di cui alcune conosciute altre oscure). Inoltre alla libertà di circolazione deve corrispondere anche la libertà di accogliere o no. Cioè “io devo essere libero di bussare a qualsiasi porta, tu devi essere libero di aprire o no, e a chi decidi tu”. Nessuno può imporsi in casa d’altri. Quindi ci deve essere convenienza reciproca o comunque volontà reciproca. Ci deve essere un’accettazione ed uno scambio umano. La morale non può essere imposta, ma ognuno deve sentire la propria coscienza. Quindi ognuno dovrebbe poter decidere liberamente se, e a chi, fare beneficienza e solidarietà. La morale non può essere imposta
  • Ognuno dovrebbe poter restare a casa propria, nella propria terra, con i propri affetti e non essere costretto ad emigrare.
  • Nel caso in cui ci trovassimo in una situazione di non rispetto dei punti 1 e 2, che ormai è la normalità purtroppo, allora: a) La decisione sarà singola, pur risultando evidente che sarebbe giusto cercare di aiutare queste persone, cioè accoglierli in modo adeguato, e l’accoglienza di oggi non è adeguata, non è dignitosa per degli essere umani b) Discriminare preventivamente chi accogliere e chi no in modo autonomo ed insindacabile c) Con l’obiettivo ultimo di farli rientrare al più presto a casa loro appena si siano ripristinate le condizioni idonee per farlo, perché questo è il loro desiderio. Sarà quindi un’accoglienza transitoria.  d)  Nel frattempo l’ospite dovrà rispettare tutte le regole di chi lo ospita, pena l’immediata espulsione (a calci in culo) visto che sta ricevendo un favore. e) Dovrà essere accolto come uno della comunità, dovrà collaborare, ed essere inserito in una graduatoria nazionale, in cui però occuperà l’ultimo posto, per il semplice motivo che è arrivato per ultimo. Ciò non costituisce discriminazione ma anzi è una forma di integrazione in quanto oggi non sono proprio in graduatoria, neanche dopo l’ultimo, o viceversa si verificano forme di discriminazione al contrario in cui chi ospita subisce l’ingiustizia e la prevaricazione, creando così, fra l’altro, i presupposti per una guerra civile tra poveri. Ogni buon padre di famiglia ha il dovere di dare da mangiare ai propri figli innnanzitutto, altrimenti è il peggiore dei padri
  • In sostanza si evidenzia che “loro” sono vittime come noi, quindi siamo potenzialmente alleati e dovremmo cercare di esserlo, per uscire insieme da un sistema che ci vuole schiavi.
  • Ulteriori considerazioni possono essere fatte in merito alle cause di queste migrazioni “forzate”, ma le lascio ad un eventuale approfondimento, qualora fosse necessario, visto che ormai le possiamo intuire tutti.

La moneta è lo strumento principale che determina l’evoluzione di un popolo

Nelle comunità di una volta, alle origini dell’umanità e per molti millenni, forse anche qualche milione di anni, non c’era bisogno di moneta per tre  ragioni: 1) il numero esiguo dei componenti 2) tutto era di tutti 3) e infine non era una società competitiva.

Quindi ognuno svolgeva il suo lavoro  senza doveri di legge, senza costrizioni, obblighi e controlli perchè si sentiva motivato da sè a  dare il prorpio contributo alla comunità in quanto sapeva che tutto ciò che ci metteva ce lo ritrovava e gli ritornava anche moltiplicato. Sapeva che far crecere la comunità faceva crescere anche lui, ne aveva anche lui i benefici, e sapeva che anche gli altri facevano altrettanto, sapeva che ognuno dava il suo meglio e che i suoi meriti erano riconosciuti in quanto ognuno era conosciuto da tutta la comunità.

I problemi sono cominciati nel momento in cui la comunità si è ingrandita in modo eccessivo, non più fisiologico, e inoltre i singoli membri si sono spostati, trasferiti, sparpagliati nel mondo,  le comunità si sono mischiate, insomma sono venuti meno quei presupposti che garantivano la giustizia sociale, cosicchè ognuno è stato “costretto” ad essre egoista, cioè a cercare di accumulare quanto più possibile per assicurarrsi la sussistenza, visto che la comunità non costituiva più una garanzia. Questa tendenza poi si è cronicizzata ed è rimasta anche quando non più necessario, anzi ancora più è degenerato  nella ricerca del potere e la dominazione sull’altro con tutti i mezzi: economici, militari, politici e di persuasione occulta.

La moneta dunque diventa necessaria come collante della società moderna che sostituisce il collante primitivo rappresentato dall’affetto, la simpatia, la stima, la giustizia. Ecco dunque che il modo di utilizzo della moneta è fondamentale nel determinare lo sviluppo fisico, emotivo e spirituale sia del singolo che della società. La regolamentazione sbagliata della moneta ha determinato una degenerazione morale della società; allo stesso modo una regolamentazione sana può accelerarne o favorirne l’evoluzione.

La società multietnica è…. razzista

Rivoluzione Italia ha aggiunto un nuovo video.

NERO MASSACRA DONNA PER STRADA, NESSUNO INTERVIENE – VIDEO CHOC
MAGGIO 13, 2016

PHILADELPHIA – Il nero massacra di botte la propria donna. Gli altri guardano, perché nella società multirazziale, ognuno si fa i fatti propri. Non ci sono legami. Ma atomi impazziti.

La società multietnica è il regno dell’entropia e dell’indifferenza. E’ per questo che chi comanda vuole trasformare la civiltà europea, nata dall’omogeneità delle nazioni, in una poltiglia indifferenziata.

Che la “diversità” è una debolezza e non una forza, lo ammetterà chiunque non sia un fan sfegatato del sadomasochismo.
Questo, oltre ad essere “vero” intuitivamente, è anche stato provato a livello scientifico.

Lo studio condotto dal Findlandese Tatu Vanhanen:

http://jpr.sagepub.com/content/36/1/55.abstract
http://www.amazon.com/gp/product/0762305835

Ha dimostrato come, più una società è etnicamente diversa, più questa società è violenta.

Lo studioso ha analizzato tutti i paesi del mondo e ha comparato la loro frammentazione etnica con il loro livello di violenza e instabilità, trovando tra le due una correlazione “positiva”.

Ma questi non sono gli unici danni che porta la società multietnica. Un altro scienziato, Robert Putnam – http://www.theamericanconservative.com/arti…/…/jan/15/00007/ -, ha dimostrato come, più una comunità è “diversa” dal punto di vista culturale e razziale, più questa diviene non cooperativa ed emotivamente frammentata.

E’ evidente che i due studi sono complementari: l’arrivo di immigrati frammenta la società e la rende meno “solidale” e “cooperativa”, spezzandola lungo faglie etniche. Questa frammentazione conduce alla violenza.

Non è infatti naturale, “immolarsi” per chi non ha con noi alcun legame. E’ naturale invece, preservare la propria identità e chiunque con noi la condivida.
E’ una semplice legge evolutiva. Perché dovrei “favorire” un Africano piuttosto che un Amerindo rispetto ad un mio consanguineo?

http://en.wikipedia.org/wiki/Inclusive_fitness…
http://www.amazon.com/Narrow-Roads-Gene-Land-C…/…/0716745305

Dal punto di vista evolutivo, morire in battaglia per Sparta aveva un senso biologico, perché coloro che sopravvivevano portavano avanti la discendenza biologica di cui anche “tu” morto, facevi parte. Ma morire in guerra per il Grande Re persiano non aveva senso, biologicamente parlando.

Oggi, stiamo creando una società nella quale, non solo, sarà orribile vivere, ma anche, per la quale non varrà la pena morire.

Fonte: Voxnews

I nuovi schiavi

Oggi la cameriera di mio padre, ucraina, ho sentito che diceva parlando con mia moglie, che lei comprava più di quanto avesse realmente bisogno e di quanto gli permettesse il suo livello economico. Questo episodio mi ha fatto riflettere. Perchè questo impulso insano? che non esisteva fino a qualche decennio fa, e soprattutto anche in classi sociali meno abbienti  non facevano e non hanno e non avrebbero mai fatto nel loro paese e comunità. E allora l’unica conclusione è che questa società del consumismo è la conseguenza di una comunità che non c’è più. La mancanza di relazioni naturali, autentiche lascia un vuoto interiore che deve essere colmato da qualcosa, da qualunque cosa. Non può restare vuoto, è una legge di natura. E oggi può essere colmato dall’acquisto fine a se stesso. Oltre che dal consumo di droghe, alcool, o altri tipi di dipendenze quali giochi, scommesse, sesso, cibo, internet, ecc.

Oggi si spende per spendere, mentre una volta si spendeva per utilità o per divertirsi, che è la maggiore utilità per l’anima perchè erano divertimenti veri, autentici, che riempivano e nutrivano l’uomo di gioia, calore, affetto.

Questo sistema, inoltre, può esistere e mantenersi solo sullo sfruttamento del lavoro di altre persone  che non potranno usufruire non solo di quei “benefici”extra, ma neanche dei normali frutti del loro lavoro. Persone che sono costrette a cedere parte del loro tempo e sacrificarlo per coloro che sono dediti a questo stile di vita occidentale consumistico. Infatti senza il loro sacrificio non potrebbe esistere questo surplus di disponibilità economica a beneficio di altri. Cioè queste persone sacrificano il tempo che dovrebbero dedicare alla propria famiglia, a se stessi, alla spiritualità , agli amici, al benessere, e a contemplare il creato e anche a cercare di capire cosa vogliono dalla vita, qual è la loro missione sulla terra e la loro realizzazione. Ovviamente se loro avessero il tempo per pensare e capire in quale ingranaggio sono finiti si ribellerebbero, e questo il sistema non lo vuole. Ma, se questo sembra ed è percepibile, lo è ancor meno capire che in realtà in questo ingranaggio ci sono anche gli altri, quelli che spendono in modo impulsivo e compulsivo, cioè non libero. Anch’essi insomma fanno parte degli schiavi, anche se più privilegiati. Anch’essi sono nella ruota del criceto e sono funzionali al sistema. Sono tutti, la maggior parte,  schiavi moderni. Sono più numerosi che nell’antichità e per certi versi in una condizione più grave perchè non ne sono consapevoli, quindi non possono neanche cercare di liberarsi.

Credo però che tutto ciò non durerà a lungo perchè non è più sostenibile dal pianeta che andrà al collasso. Già lo è, ma evidentemente il limite non è stato ancora superato. E verrà superato perchè il surplus che viene  prodotto per essere consumato inutilmente non può essere smaltito convenientemente perchè non c’è chi lo “consuma”, cioè è inutile al sistema, anzi non è funzionale, è disfunzionale.

Allora la soluzione è solo un ritorno ad un’organizzazione antica della comunità che faceva sentire l’individuo parte della comunità e del “tutto”, cioè del creato, del divino, e quindi non si sentiva separato e spaventato. L’uomo si sentiva protetto, accolto e accettato anche nei suoi difetti. Così si sentiva libero di permettersi di esprimere la sua anima, cioè realizzarsi ed essere creativo e nello stesso tempo coltivare e rivolgersi alla spiritualità. Una società come quella di oggi lascia un vuoto che non può essere soddsfatto con nulla, e che spinge all’acquisto compulsivo nell’illusione di colmare temporaneamente questo vuoto. Per poi ricominciare. Essa non è in grado di offrire una soluzione: non vuole farlo chi l’ha ideata, e non è in grado di trovarla chi la subisce. Non si può frenare quest’impulso se non colmando il vuoto, in quanto è generato dal vuoto, che potrà essere colmato solo con ciò che è vero e non falso. Ogni altra soluzione è un’illusione, è ulteriore vacuità.

Extracomunitari

Ho scritto questo articolo qualche anno fa, nel frattempo molte più persone si sono accorte di questo grande inganno del “sistema” ed alcune nazioni stanno prendendo dei provvedimenti. Voglio aggiungere e premettere che i nostri nemici non sono gli extracomunitari, anzi anche loro sono vittime come noi, ma in ogni caso loro sono uno degli strumenti che il “sistema” usa per distruggere e sottomettere i popoli.

Il problema di convivenza con gli extracomunitari è in aumento e aumenterà sempre più perché in Italia non viene  affrontato da nessun governo, non deve proprio essere affrontato perché troppo scottante; chi lo affronta rischia realmente di bruciarsi i voti degli elettori, è troppo pericoloso mettersi da una parte o dall’altra perché qualunque soluzione e decisione sarà impopolare. Non sanno come risolverlo, non sanno che pesci prendere, e allora meglio non affrontarlo proprio e fingere di assecondare entrambi gli schieramenti: “razzisti” e “antirazzisti”. Gli antirazzisti vengono assecondati con il “tutti dentro”, i razzisti con il “però non facciamo nulla per favorirli, per integrarli”. E così sono tutti contenti, tranne l’Italia che subirà e subisce danni enormi. E prima o poi si arriverà alla guerra civile come in Iugoslavia.

Ci illudono che ne abbiamo bisogno e che tutti potremo permetterci la badante, anche i più poveri. Ma un rapporto affettivo prezzolato non potrà mai esprimersi realmente, non potrà funzionare. L’affetto è il risultato di anni o secoli di una storia comune, di abitudini e consuetudini condivise, di una lingua o dialetto comune e soprattutto di una convivenza in una comunità strutturata come lo erano i paesi di una volta. Un accudimento, soprattutto di una persona anziana, deve essere fatto con quell’affetto che viene da un rapporto di parentela (figlio/genitore o nipote/nonno) o comunque da un forte legame emotivo che pertanto non potrà essere svolto e pattuito tramite un contratto economico, l’affetto non si può comprare. Le rughe si possono amare ed accettare solo se rappresentano il ricordo di una persona cara che ci ha dato affetto e che adesso ci offre il conforto della sua saggezza e della sua esperienza.

Li vedi che camminano insieme, magari mano nella mano,ma sono due mondi diversi, ognuno pensa a sé, ai suoi bisogni e al suo passato che è profondamente diverso, non solo per la lingua ma soprattutto per tradizioni, abitudini, ricordi.

E i risultati li stiamo vedendo dagli ultimi episodi di cronaca dove sempre più spesso vengono scoperte badanti che picchiano i nostri anziani. E presumo che quello che si scopre è solo la punta dell’iceberg.

D’altronde non è possibile aspettarsi diversamente. E simili comportamenti sono anche giustificabili e  ampiamente prevedibili: non si possono pretendere gesti che solo l’affetto può far fare e nessuna moneta al mondo, e inoltre aspettarselo da persone che vengono trattate come schiavi. E poi ci compiaciamo pure se “il nonnetto” tocca il culo della giovane badante: cosa penseremmo se , caduti in  disgrazia, questa sorte toccasse alle nostre mogli, sorelle o figlie?.

Gli extracomunitari utilizzati in agricoltura percepiscono una paga di 10-15 euro, a nero, dopo una giornata intera di lavoro. Vivono in baracche dove non viene rispettato alcun canone igienico (acqua, pentolame, ecc) oppure vivono in 10 persone in una camera. Come ci si può aspettare civiltà da persone che vivono peggio delle bestie?!!! Persone che lasciano la propria terra, le proprie tradizioni, i propri affetti per un futuro migliore che si rivelerà solo un’illusione, e intanto hanno perso soldi, tempo e  anche la possibilità di ritornare nella loro terra, se non in condizioni addirittura peggiori di prima, ora che si sono accorti che comunque sarebbe stato meglio restare dove sono nati.

Le loro condizioni originarie erano senz’altro migliori di queste, e non peggiori come si pensa comunemente (“altrimenti perché verrebbero  qua”); vengono qua per l’illusione e la speranza di migliorare la loro situazione. Speranza che solo per pochissimi si concretizza, per gli altri si trasforma in un incubo senza possibilità di risveglio.

 

Aumenteranno i conflitti etnici così come la violenza sulle donne, sugli animali, ecc e proprio quanto più c’è condanna morale  e forti dibattiti: in Italia ci sono solo chiacchiere e antagonismi ideologici mentre “loro” (i governi) ci beffano. L’Italia è l’unico paese dove i problemi non si risolvono mai ma dove è più alta la conflittualità verbale e di opinione.

Ma ultimamente sta sorgendo in me una nuova consapevolezza che forse è solo una provocazione, per me stesso e per gli altri,  che sta permettendo alla mia rabbia,  sconforto e rassegnazione di lasciare il passo ad un altro sentimento e convinzione, la speranza che proprio gli extracomunitari, gli stranieri sapranno e vorranno salvarci. Gli stranieri hanno una mentalità più aperta e meno provinciale della nostra e soprattutto meno ideologizzata, cioè affrontano i problemi per quello che sono, per risolverli senza pregiudizi. Proprio gli stranieri infatti, sorprendentemente, sono quelli che affermano di volere una regolamentazione più severa in merito agli ingressi e alla permanenza, e non hanno il timore di  dirlo. Gli stranieri sapranno proteggere l’Italia come non sappiamo fare noi, noi italiani siamo buoni con tutti tranne con gli italiani, con noi stessi ; l nostro difetto non è mai stato l’essere razzisti ma al contrario l’esterofilia, siamo il popolo più fesso al mondo e quindi ci meritiamo di essere conquistati da altri popoli, è sempre stato così e sempre lo sarà a meno che finalmente questa volta non saremmo conquistati in via pacifica, definitiva e in massa da stranieri che sentendosi in questo caso italiani, sappiano difendere quello che era definito da tutti il bel paese. Sempre che si faccia in tempo prima che venga  distrutto del tutto irrimediabilmente. Ma ripeto è solo una provocazione, io spero ancora negli italiani che amano l’Italia.

Gesù disse di amare il proprio “prossimo”, cioè la persona più vicina a noi, non il più lontano, perché è facile amare e fare beneficenza ad una persona che non conosciamo, che vive a migliaia di chilometri da noi, che non  ci giudica e verso cui non possiamo provare invidia, gelosia, ecc; molto più difficile amare  il vicino di casa o addirittura un familiare che vediamo ogni giorno e con cui dobbiamo confrontare ogni giorno le nostre debolezze, il nostro ego e con cui quindi abbiamo continui conflitti. Con uno che vive a migliaia di chilometri che conflitto ci può essere?!, e così con pochi euro al mese per il sostegno di un bambino africano crediamo di esserci garantiti il paradiso. In realtà stiamo solo assecondando il nostro ego e la nostra emotività. Ogni forma di elemosina è sbagliata sia perché non abbiamo risolto il proble ma anzi lo stiamo cronicizzando, sia perchè i soldi o qualsiasi altro tipo di aiuto passa prima per il governo o comunque attraverso chi detiene il potere. Che speranze ci sono che chi ha il potere possa distribuire quegli aiuti al popolo che lui stesso ha affamato? Nulla, solo una piccolissima percentuale andrà al popolo, e  solo per dare fumo negli occhi, solo immagini televisive. In questo modo “loro” aumenteranno ancora di più il potere di affamare la popolazione, i poveri, i deboli e quindi il divario aumenterà ancora di più. I poveri saranno ancora più poveri, i ricchi più ricchi e potenti. Se ciascuno aiutasse il “prossimo”, cioè il vicino di casa, non esisterebbero i poveri e i problemi.

Ovviamente è un problema politico la cui soluzione va affrontata a parte.

sarà guerra civile……

…. perchè in Italia siamo divisi in due modi di pensare contrapposti, che per ragioni storiche, ormai non si esprimono più in due ideologie in cui ognuno difende la sua. Magari lo fosse, sarebbe il meno peggio. Invece l’uno deve andare contro l’altro, deve vincere l’altro. La distruzione dell’altro è la propria vittoria, perchè l’odio e il rancore sono preponderanti su tutto. Più che cercare di dimostrare la propria ragione, che già questo non è ottimale, si cerca di dimostrare il torto dell’altro, che è ancora peggio. Anzichè a favore della propria idea bisogna andare contro chi non la pensa come noi. E’distruzione, non costruzione. La parola d’ordine è distruggere il nemico con la violenza psicologica, con la colpevolizzazione, con il giudizio, la ridicolizzazione, l’etichettazione.
Sarebbe logico e sintomo di buon senso, a questo punto, separarsi prima di arrivare ad una guerra, perchè comunque ci si separerà, ma dopo una guerra interna che manifesterà chiaramente che non è possibile altra soluzione. Ma il buon senso non prevarrà perchè domina il pensiero che “certa gente è cattiva” e quindi va punita o annientata, e che oltre ad essere impossibile un accordo sarebbe anche ingiusto. Ci si accorgerà che in realtà non bisogna trovare un progetto comune, nè un compromesso, bensì bisogna solo trovare “l’accordo” di separarsi perchè si è troppo diversi. Insomma una separazione consensuale per evitare una separazione giudiziale che non conviene a nessuno. In realtà nessuno dei due contendenti vuole la guerra, però siccome non si riesce a fare una scelta comune quindi resterà l’ultima scelta, la peggiore, che si imporrà a noi da sola, come conseguenza della non scelta. Infatti anche separarsi è una scelta comune che prevede un accordo, e visto che un accordo è impossibile, anche quest’ultimo accordo sarà impossibile. Quindi ci si separerà dopo la guerra quando ci si accorgerà dell’impossibilità della convivenza.
Questa mia visione pessimistica vuole in realtà cercare di prevenire o di fare scelte anche individuali, e comunque non è una previsione ma solo una costatazione di dove sta andando l’Italia se si continuerà così. Quindi si può sempre cambiare rotta, ma la vedo difficile visto quanto detto. Ci vorrebbe un leader illuminato o un mediatore che parli però separatamente, ora con uno ora con l’altro, che altrimenti, se si guardano in faccia ….. prevale l’odio.

Euro: scelta di vita

Il popolo del sud Italia credeva (fino a qualche anno fa) che se il nord si fosse separato dal resto dell’Italia, si sarebbe avuto un forte aggravamento per la situazione economica del sud.

Poi però, insistendo, le giustificazioni che davano erano di natura emotiva-sentimentale, cioè che l’Italia è una e deve restare unita (spirito patriottico), e che i nostri patrioti sono morti per l’Italia e si rivolterebbero nella tomba se ora la si volesse dividere.

In realtà questi patrioti si sono già rivoltati vedendo l’effetto che ha avuto l’unità d’Italia. Infatti quelle sono solo giustificazioni per nascondere agli altri, e anche a se stessi, le vere ragioni. Le vere ragioni sono che avevano paura di peggiorare perdendo l’aiuto del progredito nord. Ma non si rendevano conto che se la causa dell’attuale situazione disastrosa del sud, e adesso anche del nord (perché se una parte va male, dopo un pò anche le altri parti vanno in cancrena, è solo questione di tempo), era stata l’unità d’Italia, come poteva adesso esserne la soluzione? O comunque non si rendevano conto che questa è la causa ancora in essere che ne procura il peggioramento attuale o il mantenimento di tale povertà.

Così allo stesso modo è successo per l’euro. L’euro e l’Unione Europea sono partiti male, e sono la causa dell’impoverimento dell’Italia, e a lungo andare di tutta l’Europa. Ciononostante agli italiani si continua a ripetere che uscendo dall’euro la situazione peggiorerebbe. Ma se  l’euro è una delle cause del disastro come può esserne anche la soluzione? L’euro ci porta ad un lento ma inesorabile declino fino a “costringerci” ad uscirne entro pochi anni.

Si fanno previsioni sui possibili effetti di un’uscita o permanenza nell’euro. In realtà non è possibile alcuna previsione, perché le variabili sono tantissime e fra l’altro non abbiamo precedenti con cui confrontarci. Noi adesso possiamo solo costatare il presente disastroso, di cui conosciamo la causa. Il futuro non possiamo prevederlo, possiamo solo costruirlo.

Così come la condizione attuale del sud rispetto al nord è ormai nota, ed è che il sud sta molto peggio del nord. La  causa di ciò è stata proprio l’unione con il nord, la cosiddetta unità d’Italia. Come sta accadendo oggi con l’euro, una volta che il sud è stato distrutto economicamente e moralmente, e non consapevole delle cause del suo declino, di cui tutti davano la colpa ai meridionali stessi, adesso i meridionali hanno paura di perdere l’aiuto del nord per risollevarsi. E per forza, visto che è stata distrutta la loro autostima, le loro radici, la consapevolezza delle loro capacità. Insomma il sud adesso è come un bambino che deve reimparare a camminare, e per far ciò ha bisogno dei genitori. Anche se forse sembra più una sindrome di “Stoccolma”, in cui la vittima è talmente schiavizzata che ha bisogno del suo carnefice anche per la minima necessità, e ne è pure riconoscente perché comunque potrebbe anche andargli peggio. E con l’euro e l’Europa si sta delineando la stessa strategia.

Le argomentazioni che noi possiamo affrontare non possono perciò essere di tipo particolare, perché i particolari sono infiniti e nessuno li conosce tutti, né sono prevedibili. E quindi voglio affrontare i punti salienti solo da un aspetto generale:

1) Noi discutiamo di cose di cui non sappiamo quasi nulla. Conosciamo solo pochi particolari e su questi  discutiamo e facciamo la somma come se fossero tutti gli addendi. Ma se si vuole fare la somma bisogna sommare tutto, non solo i particolari che noi conosciamo, altrimenti il risultato viene falsato. Allora, non conoscendo tutti i particolari, possiamo ragionare solo in generale, e cioè che il sistema ha voluto farci entrare nell’euro e vuole farci restare, e  non a caso tutta la propaganda e pubblicità delle istituzioni vanno in questa direzione. Il sistema vuole che noi restiamo nell’euro e nell’Europa. Quindi è una loro convenienza, non nostra.  Ma se  costatiamo il presente e lo compariamo con la situazione prima dell’euro  il confronto ci dice che la situazione è peggiorata. Ogni altro tipo di ragionamento è basato su conoscenze parziali.

 

2) Chi dice che non possiamo competere in un mercato globale se tornassimo alla lira, significa che vede il mercato globale come un sistema non solo competitivo e capitalistico, ma anche senza regole e pronto a mangiare tutti i pesci piccoli che non si adeguano e non si coalizzano per difendersi dal nemico. Insomma un sistema in cui tutti contro tutti e quindi bisogna prepararsi alla guerra, una guerra globale non dichiarata. Quindi questa affermazione denota e nasconde una paura di un sistema che fagocita ed è nemica dei più deboli. Così si preferisce non inimicarsi il sistema, tenerselo buono standoci dentro.

3) Ma non se ne accorge neanche lui, perché in realtà chi teme di uscire è perché inconsciamente vuole la globalizzazione. Gli piace, o così crede, e teme di restarne fuori. Vuole la modernità anche a rischio di viverci da schiavo, ai margini del lusso e degli sprechi. Si perché in realtà la globalizzazione è solo uno sfavillare di luci per attirare a sé gli insetti che finiscono nella trappola,  la globalizzazione è solo un’ illusione in cui pochi si arricchiscono e titti gli altri sono schiavi. La globalizzazione ha senso per quei pochi che prendono l’aereo così come io vado a piedi ogni giorno. È per coloro che fanno scambi e business internazionali, e noi piccoli possiamo solo stare a guardare e sognare così come un fan guarda le sue star del cinema e gli basta illudersi che un giorno potrà incontrare di persona il suo idolo e accontentarsi (se pure ne ha consapevolezza) di restare eternamente spettatore dello spettacolo della vita. La globalizzazione va a stimolare le nostre speranze  illudendoci, ad esempio, di offrirci la possibilità di diventare milionari giocando alle scommesse, alla lotteria, ecc.

4) Io non voglio stare in un mercato globale, per di più senza regole. “Euro si/ euro no” non è una decisione che riguarda solo l’euro, ma è una scelta di vita. Una scelta tra un’Europa governata da poteri occulti, che vuole imporci regole e dittature di ogni genere, e la scelta di essere sovrani sulla propria terra, moneta, cultura, ecc. In ogni caso, io preferirei vivere in un Paese anche più povero ma sostenuto dalla solidarietà e da un’equa distribuzione delle ricchezze piuttosto che in un Paese schiavo governato dalla legge del più forte, perché dove c’è solidarietà non c’è crisi, e dove c’è  libertà c’è creatività e quindi produzione e ricchezza. E sembra strano che proprio la sinistra voglia la globalizzazione. Ma ormai si è ribaltato tutto, la sinistra vuole cose di destra e al destra cose di sinistra.

5)  Mi viene il dubbio che questa Europa disastrosa sia stata pianificata già dall’unità d’Italia. Ed il prossimo passo è un mondo “unito”, con un’unica moneta, un unico esercito, ed un pensiero unico che permetterà ai soliti ignoti di renderci ancora più schiavi. Il loro obiettivo però non sarà quello di diventare ancora più ricchi, che lo sono fin troppo e non sanno come spenderli i soldi, ma annullare la nostra coscienza. Insomma è in atto una guerra spirituale, come da sempre è stato, ed ora siamo all’atto finale: o noi o loro, o vinciamo definitivamente, o non potremo più rialzare le nostre coscienze. Temo che non avremo più altre possibilità, se non vinciamo adesso, l’umanità sarà per sempre schiava.

6) Ma “gli europeisti” ideologici e dogmatici, che di solito sono di sinistra, non ammetteranno mai di aver sbagliato a farci entrare nell’euro. Sarebbe un’ammissione di colpa troppo grave. Anche se alcuni miei amici lo hanno riconosciuto, e queste sono le persone che più apprezzo. La maggior parte però, i  vertici in mala fede, e molti della base per mancanza di consapevolezza ed onestà intellettuale, dovranno difendere a oltranza questo loro errore, e fra l’altro, con l’aggravante che non conoscendo il vero motivo di questo attaccamento all’Europa, inconsciamente sanno che le loro sono  solo giustificazioni facilmente attaccabili e quindi le esprimono  con arroganza, violenza e soprattutto attaccando gli altri, dandogli del populista, o antieuropeista, o euroscettico (che ormai sono diventate delle offese), ecc. A questo punto allora non vedo che una soluzione: dividere l’Italia in due, una che vuole restare nell’euro e una che ne vuole uscire. Fra l’altro solo in questo modo potremo scoprire chi avrà ragione, qual’ sarà stata la scelta giusta, in quanto potremo compararne le conseguenze. Ma purtroppo è una soluzione non realizzabile. E allora cosa fare?

7) Si deve partire da un modello ideale, solo da lì si può dialogare per cercare di capire quali regole di questa Europa cambiare e come, cosa è giusto e cosa è sbagliato, cioè stabilire e proporre dei patti nuovi, che dovranno essere concessi subito, e non aspettare che ciò avvenga in itinere. Le regole o si cambiano subito o si esce.

L’Italia è chiaro che era già inguaiata prima dell’euro, ma proprio per questo l’euro ha peggiorato una situazione di debolezza. È come il problema degli extracomunitari, non sono loro il problema ma lo aggravano nel momento in cui vengono in un Paese che ha grossi problemi organizzativi al suo interno. L’Italia deve prima risolvere i problemi tra italiani, il problema dell’unità d’Italia e darsi una forma di governo che possa valorizzare ed organizzare le diversità degli italiani, cioè una forma di federalismo, o localismo, o decentramento, come lo si voglia chiamare, comunque si tratta di cambiare prima l’Italia e poi eventualmente l’Europa, e non come vorrebbero fare gli europeisti che credono che potremo cambiare l’Italia facendoci cambiare dall’Europa. Se non siamo in grado di cambiarci noi da soli, poi saremo cambiati dagli altri in modo traumatico, saremo per sempre schiavi, non saremo più in grado di avere una nostra autonomia di pensiero.  Quindi in definitiva l’Italia non sarebbe dovuta proprio entrare nell’euro neanche se questo fosse stato organizzato più efficacemente, figuriamoci in questo caso che è l’esatto contrario.

8)  In realtà il vero motivo, spesso inconscio, è che noi riteniamo che gli italiani non sappiano governarsi. Per cui diventa conseguenziale prendere in considerazione di  decidere di farci comandare da qualcun altro. Allora gli italiani, ritenendo inconsciamente che chiunque sia meglio di loro  stessi, giungono alla conclusione che non c’è bisogno di valutare la capacità e buonafede di colui a cui si affidano, in quanto appunto “chiunque è meglio”. Ciò rischia di farci finire dalla padella nella brace, e di annullare ogni nostra possibilità di riscatto, soprattutto se questa resa fosse incondizionata e quindi con un contratto che poi non ci permetterebbe neanche di uscirne col minor danno qualora ci accorgessimo di aver sbagliato.

9) Allora bisognerebbe riprendere coscienza del vero motivo per cui vogliamo passare il timone della “nave Italia” a qualcun altro, e a questo punto verificare le sue reali intenzioni pretendendo la modifica del contratto secondo il nostro piano ideale, altrimenti si rifiuta subito. Cioè intendo dire che potrebbe starci pure bene di restare in Europa ma le condizioni devono essere modificate subito, in modo da non farci legare mani e piedi e affidarci completamente a qualcuno che non sappiamo se difenderà i nostri interessi. Chi ci garantisce che le cose miglioreranno? Al momento nulla e nessuno. Certo neanche la nostra autonomia ce lo garantisce, però ci lascia aperta la possibilità, mentre abdicare ad uno straniero, se sbagliamo contratto, è la fine.

Questa scelta potrebbe anche avere un senso, a patto però che sia suffragata da comprovati risultati migliori di quelli ottenuti dai nostri governanti. E questo fin’ora non è stato dimostrato, anzi tutt’altro. Sicuramente l’Italia finora ha dimostrato di non sapersi governare, questo però non deve spingerci nelle braccia di uno qualsiasi solo perché straniero, senza aver valutato la sua capacità e onestà nel comandare ed amministrare.

 

 

10) Allora provo a domandare, a me stesso e a voi, se non sia il caso di provare adesso a dare fiducia agli italiani e per la prima volta a gestirci noi con piena consapevolezza di quello che abbiamo subito in questi ultimi secoli. Perché mi sembra un peccato abdicare proprio adesso che stiamo arrivando a conoscere tutti i misfatti che sono stati perpetrati ai nostri danni, le cause dei nostri problemi e quindi possiamo sapere come risolverli e soprattutto riprendere stima di noi stessi come individui e come popolo. Voglio aggiungere una frase che ripete spesso Matteo Salvini della lega nord: “euro = morte certa, lira = rischio”. Cioè almeno la lira mi offre una speranza,  l’euro no. L’euro è una morte lenta ma inesorabile, che ci sta facendo fare la fine della “rana nella pentola sul fuoco”.

11) Però, ad un certo punto del ragionamento, mi accorgo che tutti, anche chi vuole restare nell’euro, adesso ammette, seppur a denti stretti, che l’Euro così com’è non va bene. Allora, azzardo un’ipotesi finale: forse adesso è possibile avere un dialogo costruttivo partendo da ciò su cui siamo già d’accordo, e arrivare a delle conclusioni comuni in modo da poter fare le nostre richieste con maggior forza, e se non ce le accordano subito, allora si esce senza alcuna esitazione, perché vorrà dire che non ce le accorderanno mai più. È possibile farlo perché in realtà diciamo tutti la stessa cosa, seppur partendo da posizioni diverse. Infatti sia chi vuole uscire, sia chi vuole restare nell’euro è d’accordo sul fatto che le regole dell’Europa e dell’euro sono sbagliate, che gli errori sono tanti e tanto c’è da cambiare, e che se non si entrava proprio sarebbe stato meglio, ma a questo punto che ci siamo dentro, ci sono due conclusioni differenti: gli uni vorrebbero restare per cambiare queste regole, mentre gli altri vogliono uscire comunque in quanto ormai questa Europa non è più possibile aggiustarla, e che quindi conviene uscirne e poi eventualmente se ne ricostruisce un’altra partendo bene sin dall’inizio.

Allora io dico: se è vero che sarebbe stato meglio non entrare proprio significa che la situazione precedente era migliore, cioè che è stato fatto un errore, dunque comunque bisogna tornare a quella situazione. Il punto è capire come farlo nel modo meno doloroso, perché se un matrimonio è sbagliato, prima o poi bisogna separarsi, anche se si può fare una separazione consensuale o giudiziale, si può trovare un  compromesso o anche una separazione di fatto rimanendo nella stessa casa per convenienza economica o per il bene dei figli. Allora ciò che bisogna fare è non prendere decisioni ideologiche e precostituite, ma discutere e ragionare per trovare la proposta del nostro modello ideale di Europa, proporre insomma le regole giuste affinché ciascuna nazione sia sovrana e abbia un vantaggio da questa unione. E, pur sapendo già che “loro”ci risponderanno “picche”, dobbiamo comunque fare questa proposta formale in modo da mostrare la nostra posizione collaborativa e non ostruzionistica, così da “rimandare a loro la palla” e costringerli a darci una risposta, che se negativa, mostrerà la loro vera faccia e capiremo subito questa Europa dove vuole andare e in che direzione vuole portarci.

1 2 3 4