sovranismo, nazionalismo, globalismo … di Fabio Castellucci

SOVRANISMO – NAZIONALISMO – GLOBALISMO
OVVERO «La riprova che ” vi fottono con i NOMI… perché non avete i CONCETTI “! »…
In Austria i “sovranisti di estrema destra”… son più liberisti di Monti, ma in compenso più stronzi e più IGNORANTI. In Spagna idem.
In Italia la “SOVRANISTA” Lega ed il “SOVRANISTA” M5S sono dei poveri ignoranti incapaci di pulirsi anche il c…o, in preda ai mercati finanziari speculativi, in parte per loro intrinseca pochezza assoluta professionale/umana/politica, in parte perché agiscono volontariamente da servi di infimo livello, che eseguono ordini senza neppure capire il disegno COMPLESSIVO…
VOI, DI “SOVRANITÀ” e “NAZIONALISMO” e “GLOBALISMO”
” “NUN C’AVETE CAPITO ‘N KAZZO”. Papale papale… Fatevi tradurre dal Romanesco…
Riprendiamo dall’ABC. I concetti MINIMI di base. Quelli che troppo spesso si danno per scontati… e invece non son scontati affatto.

“il Potere viene conferito dalla massa solo a ciò che la massa TEME”

Chiaro?

SOVRANISMO

Il “SOVRANISMO” è un diritto primario INALIENABILE Naturale dell’INDIVIDUO. (Stirner e altri Anarchici come Proudhon lo hanno ben capito, anche perché il termine Sovranismo lo ha coniato Proudhon! Assieme ai termini “Anarchia” e “Federalismo”, e NON a caso…).
RIPETETE 5000 VOLTE:
«Il “SOVRANISMO” è un diritto primario INALIENABILE Naturale dell’INDIVIDUO.» Non ha nulla a che fare con la “POLITICA”, è un concetto di Filosofia Naturale, cioè “PRE-POLITICO”
Diritto naturale DELL’INDIVIDUO! Esistente PRIMA del concetto di POLIS!
L’individuo liberamente forma/sceglie un gruppo che si dà regole, e l’individuo è sempre libero di restare nel gruppo di cui condivide le regole oppure di crearsene un altro, o ancora di stare solo, se non vuole accettare quelle regole!
Perché la sola Autorità riconosciuta dall’Individuo, è.… l’Individuo stesso, con le sue scelte Responsabili, che pesano solo sulle SUE spalle. Lui sceglie, e lui subisce le conseguenze delle sue scelte, senza pesare su nessun altro. PRINCIPIO DI RESPONSABILITÀ.
Se vuole i vantaggi di un gruppo, ne accetta le regole CONDIVISE IN LIBERA ACCETTAZIONE, ed i doveri connessi, altrimenti si ritira e usa le SUE regole, subendone le conseguenze nel bene e nel male!
La Autonomia assoluta da tutto e tutti implica ovviamente anche svantaggi, perché si rinuncia alle azioni di mutuo aiuto e difesa… se si è capaci di farlo e lo si reputa conveniente.
La Natura da sola trova equilibrio fra Autonomia e Cooperazione.
La “Competizione” in Natura è ridotta al minimo. Questo è un concetto mai abbastanza sottolineato.
Al contrario di quel che vi insegnano… SULLA TERRA LE POPOLAZIONI NATURALI VIVONO AL 95% PER COOPERAZIONE, E MENO DEL 5% PER COMPETIZONE. Verificate. VERIFICATELO. Fate questa verifica di persona, per esercizio.
L’Individuo ha, come UNICA AUTORITÀ sé stesso e, SECONDARIAMENTE, la Sua Comunità, per Amore, Libera scelta sempre revocabile! Mai per imposizione o per sottomettere altri!
Esattamente come difende la sua Compagna/compagno/figli/famiglia/affetti. Per SCELTA.
Funzionano solo i “matrimoni d’amore”, non quelli forzati!
Ovviamente l’Individuo, siccome verifica OGNI giorno il valore EFFETTIVO e dimostrato sul campo, dei valori della SUA comunità, rispetta TUTTE le altre Comunità, perché riconosce LORO il reciproco diritto di darsi le LORO regole e di difendere i LORO valori. Come specchio del SUO diritto!
La reciprocità fra Comunità è diretta conseguenza della natura comune di DIRITTO alla autodeterminazione, pur nelle differenze di strutturazione interna.
Siccome l’individuo è SALDO nella sua IDENTITÀ, allora è nella condizione di apprezzare e valutare con rispetto le IDENTITÀ ALTRUI.
“Se so CHI SONO, non ho problemi a confrontarmi per valutare pregi e difetti in me e negli altri…”
CHI, invece, è incerto e debole nella propria identità, vivrà TUTTE le altre identità come minaccia o mistero, diventando aggressivo e intollerante verso la diversità. ERGO:
« Individuo ben saldo nella propria Identità = Individuo non aggressivo verso la diversità! »
Sia chiaro che il TRIBALISMO, invece, è incompatibile con il SOVRANISMO!!!
Il “tribale” rispetta SOLO la sua tribù e fuori da essa vede solo “nemici”.
Il “Sovranista” rispetta TUTTE le Comunità, perché in OGNI Comunità vede il riflesso del SUO diritto a formarsi una Comunità Libera ed autodeterminata! Magari non ne apprezza alcune, ma le RISPETTA, perché analogo e speculare RISPETTO pretende per la propria! Chiaro adesso?
—————

NAZIONALISMO

Il “NAZIONALISMO” è quella particolare forma autoritaria e dispotica per cui uno Stato Centrale IMPONE con la FORZA alle Comunità locali di “unirsi”. Con la FORZA!
Vedasi la costituzione di stato nazionale italiana, ad esempio, con le annessioni forzate dei Savoia.
Altroché “glorioso Risorgimento”!!! Carlo Cattaneo se ne rese ben conto…
Ma non divago: andate a studiarVi le sue considerazioni sullo Stato Invasore italiano!
Il NAZIONALISMO è una forma dispotica e tirannica in cui solo Tiranni di QUELLO stato hanno il diritto di opprimere e sfruttare gli SCHIAVI di quello stato. Una sorta di Feudalesimo senza imperatore… in cui i signorotti locali esercitano la tirannia su una porzione di territorio detta “Nazione”, senza alcun rispetto per le Comunità Autodeterminate.
«La Nazione è un carcere LOCALE.»
I tiranni e gli oppressori dominanti hanno ogni diritto sul “bestiame a due zampe” di quello stato, ma devono rispettare il fatto che negli altri Stati, ALTRI tiranni han quel diritto e loro no…
Gli accordi fra Stati sottostanno a due regole, SEMPLICI:
1) Se uno dei due stati è DEBOLE, lo stato forte sfrutta, OLTRE ai suoi cittadini, ANCHE, e ancor di più, quelli dello stato debole.
I TIRANNELLI LOCALI capiscono che il più forte va riverito, e cedono i diritti di sfruttamento al più forte, tenendo per sé diritti secondari di sfruttamento.
Esempio: USA e Italia. Comandano gli USA, ma i governati italiani possono sfruttare il bestiame locale…
2) Se entrambi gli Stati son FORTI, si mettono d’accordo per fottere stati più deboli, sempre con la semplice regola che “i miei cittadini son schiavi di serie A, e quelli delle nazioni più deboli di serie B, quindi più duramente sfruttabili”.
Esempio: Yalta e la divisione del mondo in due blocchi: quello Usa e quello Sovietico. Oppure la attuale partizione mondiale Usa-Cina-Russia-India…
Il Nazionalismo inventa un fantasma detto “Cultura nazionale” (con bandiera e tutti i simboli da religione dogmatica) e in nome di quel fantasma si cerca di massacrare tutti quelli che non si inchinano a quell’idolo inumano, uniformandosi e cancellando le proprie individualità culturali.
Le prime vittime son quindi le VERE culture, quelle Comunitarie! Infiniti gli esempi. Cercateli da soli, per esercizio. Un aiuto: scomparsa dei dialetti e della tradizione culturale in dialetto…
Esempio… la cultura “Italiana” dal 1862 in poi… NON esiste una cultura “Italiana”!
Esiste l’insieme ricchissimo delle culture LOCALI, che hanno valore Universale proprio perché diverse fra loro e capaci di rispecchiare differenti approcci umani alla complessità della differenziazione in Natura!
Pirandello sarebbe “Italiano”? NO. È siciliano ed Universale, ma NON “italiano”. Pasolini? Sciascia? Svevo? Cattaneo? Longanesi? Rigoni Stern?
Le vere CULTURE sono sempre e solo COMUNITARIE e le eventuali mescolanze o influenze fra Comunità diverse sono liberamente sviluppate per adesione spontanea ed ammirazione spontanea. Mai imposte dall’alto! Pensate, nel passato, a Federico I di Svevia, re “Cristiano”, che ammirava e coltivava amicizie fra i Mori ed i Musulmani, per ammirazione verso la loro cultura… ma ben difendendo la PROPRIA! E al tempo stesso detestava i Franchi, considerati ignoranti, gretti, sporchi, beceri… ma dovette partecipare, controvoglia, alla Sesta Crociata, fatta solo per evitare gli effetti nefasti della scomunica papale… Ma, da Uomo Saggio, combatté pochissimo e tesse relazioni diplomatiche di ogni tipo, facendo ben capire agli Arabi, che lo apprezzavano, la sua posizione in bilico… Di fatto ottenne tutto quel che il Papa voleva, ma senza spargere una sola goccia di sangue…
Ogni Comunità liberamente indaga la “diversità” delle altre Comunità, e liberamente ne integra parti e tendenze, sempre con perfetta sintesi nella matrice culturale PROPRIA!
La Cultura inter-Comunitaria è un LIBERO atto di Amore. Condiviso senza identificazione! NON annulla la cultura di origine, ma la integra, allargandosi e fortificandosi in identità!
MAI DISCONOSCE LA IDENTITÀ ORIGINARIA, MA LA AMPLIA, RENDEDOLA PIU’ FORTE E SICURA, PERCHÈ PIU’ ARMONICA E “CONSOLIDATA NELLA FORGIATURA ESEGUITA DAL CONFRONTO”!
Il confronto, anche in modo duro, porta ad elaborare nuove posizioni apprezzabili, ma sempre rivedibili. E porta arricchimento ed evoluzione per libero allargamento della visuale dei membri delle singole comunità. Convinti, mai forzati!
Pensateci… è come per gli sport di squadra. Il VERO “sportivo”, che gioca in una squadra, apprezza i rivali di valore che incontra. Non DIVENTA dell’altra squadra, resta della propria, ma non per questo odia o non apprezza il buon gioco fatto dagli avversari! Solo il “tifoso” è incapace di apprezzare il buon gioco in sé, a prescindere se sia praticato dalla propria squadra o da qualsiasi altra squadra, anche animosamente avversata in campo…
LA IDENTITÀ – SALDA, FORTE, SVILUPPATA, ARMONICA – MIGLIORA I RAPPORTI CON ALTRE IDENTITÀ, MICA LI PEGGIORA!
Se sei saldo e fiero della Tua Comunità, cioè forte e sicuro della Tua Identità, sei nelle condizioni adatte MIGLIORI per valutare, ed eventualmente ammirare ed ASSIMILARE, aspetti di VALORE delle ALTRE Comunità vicine, con cui si viene a contatto.
Tutto ciò permette di scoprire in cosa, le altre Comunità, convergono e/o divergono dalla TUA, scegliendo liberamente se accettare delle modifiche perché valide, oppure non accettarle e proporre il TUO modello alla Comunità vicina, riconosciuta come DEGNA e RISPETTABILE.
Tale Comunità, in libero confronto, analizzerà ciò che TU testimoni applicandolo nella vita reale, e liberamente deciderà se questi valori testimoniati, piacciono o no, possono esser utili a loro, o no…
Li adotterà o li rigetterà o parzialmente li userà, per libera scelta. Perché CONVENIENTI e utili e apprezzabili. Senza temere di “perdere la propria Cultura”!!!
Questa, se ci pensate, è la differenza classica fra Tradizionalismo e Conservatorismo.
  • Il Tradizionalismo conserva quel che, del passato, funziona bene ancora oggi e lo integra con il nuovo, ma senza tradirlo. Se usi passati non passano l’esame OGGI, vengono dismessi.
  • Il Conservatorismo è dogmatico, e individua come “buono” solo ciò che è VECCHIO e come “male” tutto ciò che è NUOVO… La frase tipica del Conservatore è “Abbiamo sempre fatto così, quindi continueremo così!”.
Il Tradizionalismo è EVOLUTIVO, il Conservatorismo no!
Ma lo STATO NAZIONALE impedisce queste connessioni libere, spontanee fra Comunità autodeterminate! Perché se le permettesse cadrebbe, per reazione avversa interna. Perchè risulterebbe evidente a TUTTI che lo Sato Nazionale esiste solo perchè soggioga ciò che è diverso.
Perché, se una Comunità scopre che le altre Comunità – magari NON dello stesso stato!!! – sono rispettabili e per qualche verso ammirevoli, o comunque vicine e condivisibili PIU’ del modello imposto STATALE, centrale…
  1. poi c’è il SERIO RISCHIO, per il POTERE, che i cittadini di quelle Comunità decidano liberamente di accordarsi fra loro, SALTANDO LA AUTORITÀ STATALE, IMPOSTA DALL’ALTO!
  2. E MAGARI DECIDANO, quegli stessi cittadini, ANCHE DI FUORIUSCIRE DALLO STATO-CENTRALE, IMPOSTO, PER ADERIRE AD UNA LIBERA CONFEDERAZIONE FRA PARI COMUNITÀ!!!
  3. E SCOPRANO L’ACQUA CALDA: CHE LO STATO ESIGE SOTTOMISSIONE E NON DÀ NULLA IN CAMBIO.
  4. E magari succede anche che gli stessi cittadini si rifiutino di fare guerra fra loro, se appartenenti a due stati diversi…
  5. E si rifiutino di sfruttare il cittadino di altre Comunità, solo perché sottoposti ad un differente Stato!

    Si veda Tirolo, o Altopiano di Asiago, nella prima guerra mondiale… O Val d’Aosta nella seconda…MA GLI ESEMPI SONO INFINITI.
    ————–

GLOBALISMO

Il “GLOBALISMO” è la forma raffinata, estrema E DEL TUTTO DISUMANIZZATA, del “NAZIONALISMO”.
Per la Finanza Globale (unico collante di questa degenerazione tumorale!), a-culturale ed a-umana, anche gli steccati delle singole Nazioni, sono ancora troppo “individualizzanti” e quindi creano resistenze contro il controllo globale, indifferenziato…
LE MASSE SON CONTROLLABILI SOLO SE DEL TUTTO OMOGENEIZZATE, PRIVE TOTALMENTE DI IDENTITÀ CULTURALE, ALIENATE, SRADICATE E FORMATE DA INDIVIDUI PRIVI DI LEGAMI SVILUPPATI IN SECOLI DI CONVIVENZA COMUNE.
ERGO si deve creare una unica massa omogenea, indifferenziata di “zombies sradicati”, senza alcun legame comunitario o di fratellanza basata sull’aver elaborato assieme modelli di convivenza provati sul campo e resilienti. Bisogna avere una sola “popolazione di bestiame alienato” uniformata totalmente in tutto il GLOBO.
Masse senza identità alcuna, che vestano uguali, mangino uguali, lavorino alle stesse condizioni miserabili per le stesse aziende globali che prendono tutta la loro vita, dalla nascita alla morte.
I concetti di CULTURA comunitaria e perfino di “Pseudo-CULTURA nazionale” devono essere distrutti, cancellati… Tipo “Uomo nuovo” del Maoismo, della Unione Sovietica, dei Khmer rossi di Pol Pot…
“1984” di G.Orwell o “Il Mondo Nuovo” di A.Huxley e tutte le distopie simili han ben narrato cosa sia il Globalismo…
«La Globalizzazione è un carcere GLOBALE.»
Meccanismo degenerativo, contrario alle leggi di Madre Natura ed alla specializzazione e differenziazione che rende resiliente e capace di Evoluzione il mondo Naturale…
Nazionalismo e globalismo sono modelli ANTI-Naturali, come il tumore…
Organismi impazziti autoreferenziali, che si distaccano dalla interconnessione delle energie sottili delle Leggi Naturali…
Interconnessione che funziona solo NELLA DIVERSITÀ! E PROPRIO GRAZIE ALLA DIVERSITÀ!
————

RICAPITOLANDO: un “DODECALOGO SOVRANISTA”:

  1. GLI UOMINI SONO TUTTI DIVERSI.
  2. RENDERLI UGUALI PER FORZATURA È LA PEGGIORE DELLE TIRANNIE ANTIUMANE IMMAGINABILI!
  3. IO SONO UN ESSERE UNICO, SOVRANO PER DIRITTO NATURALE.
  4. LA SOVRANITÀ ASSOLUTA È UNA MIA PREROGATIVA MAI ALIENABILE, ANCHE SE IO VOLESSI ALIENARLA!
  5. SU DI ME, E SUL GRUPPO A CUI VOGLIO LIBERAMENTE ADERIRE DECIDO IO E SOLTANTO IO. NESSUN ALTRO.
  6. SE NON ACCETTO LE REGOLE DI UN GRUPPO NE ESCO, E ME NE FACCIO UN ALTRO, OPPURE ADERISCO AD UNO ESISTENTE (SE MI ACCETTANO E SE IO RISPETTO LE LORO REGOLE!).
  7. OPPURE STO DA SOLO. CON LE CONSEGUENZE DEL CASO.
  8. IN OGNI CASO SCELGO PER LIBERA VOLONTÀ. NON PER IMPOSIZIONE ESTERNA. NESSUNA AUTORITÀ MI IMPONE MAI NULLA.
  9. ANARCHIA COME STRUTTURA INTRINSECA ALLA LEGGE NATURALE.
  10. IO SONO “SOVRANO” E MI RICONOSCO SOLO IN COMUNITÀ LIBERE, IN CUI TUTTI I MEMBRI ACCETTANO REGOLE COMUNI PER ATTO LIBERO, DI “AMORE” E DI CONVINZIONE INTERIORE PROFONDA.
  11. SE, E QUANDO, DELEGO ALCUNE FUNZIONI DI AMMINISTRAZIONE (Giustizia, Difesa, Uso della forza per fermare chi nuoce e difenderci), LO FACCIO SEMPRE E SOLO RISERVANDO A ME IL DIRITTO DI RITIRARE QUESTE DELEGHE QUANDO E COME VOGLIO, E IL DIRITTO DI PUNIRE SEVERAMENTE IL DELEGATO CHE NE ABBIA ABUSATO!
  12. IL RAPPRESENTANTE-SERVITORE DELEGATO DEVE VIVERE ED AGIRE CON LA PISTOLA DEL CITTADINO SOVRANO PUNTATA SEMPRE ALLA TEMPIA, 24 ORE AL GIORNO!
TUTTO CIO’ SI CHIAMA “SOVRANISMO“. TUTTO IL RESTO è MERDA. NON è SOVRANISMO. CAPITO LEGAIOLI MINCHIONI E GRULLINI DEL CAZZO?
—————
P.S.: per quelli PARTICOLARMENTE duri di comprendonio, aggiungo questa postilla.
A ME NON CAMBIA NULLA SE, AD OPPRIMERMI, SIA:
  • DIRETTAMENTE LA FINANZA NEOLIBERISTA GLOBALE
    oppure
  • IL GOVERNO NAZIONALE, COME TRAMITE DELLA FINANZA GLOBALE!
IO VOGLIO LA MIA SOVRANITÀ E LA MIA LIBERA COMUNITÀ AUTONOMA, che penserà -ESSA! CON I MECCANISMI COMUNITARI INTERNI! – con chi e come FEDERARSI per vivere in Dignità, Pace e Prosperità.
CREANDO, E/O ANNULLANDO, DI GIORNO IN GIORNO, ALLEANZE, TRATTATI E CONFEDERAZIONI CON LE ALTRE LIBERE COMUNITÀ!
IN PARI DIGNITÀ ED IN TOTALE RECIPROCO RICONOSCIMENTO DI AUTODETERMINAZIONE!

Ma se VOI, per VOSTRO limite evolutivo intrinseco, NON riuscite ad immaginare un’esistenza SENZA padroni, allora sceglietevi il VOSTRO padrone, il VOSTRO carcere, e viveteci VOI!
E non ROMPETE IL CAZZO A ME ED ALLA MIA LIBERA COMUNITÀ!
OPPURE PREPARATEVI ALLA MIA REAZIONE BRUTALE, DI LEGITTIMA, DOVEROSA DIFESA!

Più chiaro, ora?
Fabio Castellucci – Libero Cittadino Sovrano

Quando conviene alla sinistra, le differenze esistono

E’ nella bufera il sindaco di Avellino e la colpa è delle linee programmatiche presentate al presidente del consiglio comunale Ugo Maggio da discutere in aula. Il neosindaco di Avellino, Vincenzo Ciampi, dei Cinque Stelle, infatti, ha presentato un programma di governo particolare. Sì, perché si è scoperto che il programma è stato letteralmente copiato da quello di un suo collega. Federico Sboarina, che però è sindaco dal 2017 di Verona.

Il pentastellato Ciampi, dunque, ha preso il programma del governo di centrodestra della città veneta, ha sostituito il nome Verona con quello di Avellino e via, si è presentato in consiglio comunale come se nulla fosse. Una scelta che ha subito scatenato le polemiche nella città irpina, tra gli sfottò degli avversari politici, le ironie sui social e la richiesta di dimissioni.

In quasi tutti i passaggi del programma, infatti, sono state sostituite le parole “Verona” e “veronesi” con “Avellino” e “avellinesi”, ma per il resto il testo risulta identico. E se il sindaco si è difeso dichiarando cheè stato utile ricalcare quelle linee che condividiamo”, l’opposizione ha evidenziato come i problemi e le soluzioni che un governo cittadino deve affrontare e trovare non possono certo essere uguali in due città come Verona e Avellino.

“Come si può impunemente promettere politiche giovanili ritenendo uguali e indifferenti la condizione e le aspettative di un giovane che vive ad Avellino e di uno che vive a Verona?” accusa, infatti, Stefano Luongo, consigliere eletto in una lista del centrosinistra. Sui social, invece, c’è chi ironizza dicendo che il clamoroso plagio è stato scoperto quando, leggendo il programma di Ciampi, ci si sarebbe imbattuti nella volontà del sindaco a 5 Stelle di restaurare il balcone di Giulietta.

Ma, al di là dell’ironia, è evidente come Avellino e Verona siano due realtà opposte e difficilmente assimilabili. Una è una ricca città del Nord Est, l’altra una città che da anni soffre la crisi del Mezzogiorno. Verona ha una popolazione di circa 260mila abitanti, mentre Avellino si ferma a 54mila. E ora, per Ciampi, la strada si fa ardua.

(Duccio Fumero)

Io, un complottista

IO, UN COMPLOTTISTA

Passo per complottista. Del resto ognuno ha i suoi difetti.
Passo per complottista per i miei libri e articoli sui poteri forti che controllano il mondo e lo schiavizzano con la moneta debito (gli interessi sul debito mondiale sono più alti dell’intera economia mondiale).
Perché parlo e scrivo della Darpa e della Cia dicendo che è la sede mondiale del terrorismo. Perché dico che la A.I. (intelligenza artificiale) non è altro che il mezzo più avanzato di controllo dell’umanità. Perché dico e scrivo che Google, Amazon e Facebook sono “invenzioni” della Cia e di chi gli sta dietro e anche loro hanno a che fare con il controllo dell’umanità.
Perché parlo e scrivo di controllo del clima, di scie chimiche e del morbo di Morgellons. Perché parlo di TPG (totalismo per gradi) come mezzo per arrivare a quella tecnodittatura globale in piena fase di realizzazione (anche se pochi paiono rendersene conto) e della finestra di Overton come strumento di ingegneria sociale.
Perché dico che i media servono unicamente a sdoganare le verità del potere (tipo i vaccini che ci salvano, altrimenti moriremmo tutti come mosche). Perché parlo e scrivo di dittatura medica/farmaceutica e dico che le case farmaceutiche in collaborazione con le università inventano malattie in laboratorio e poi le diffondono tra le popolazioni. Perché parlo degli OGM e dico che i primi finanziatori e sostenitori sono stati i Rockfeller i quali hanno intravisto nelle sementi dal dna modificato (che, tra le altre cose, abbassano la fertilità dell’essere umano – scesa del 40% dacché si è cominciato a commercializzarle) uno straordinario strumento per il loro piano di depopulation globale.
Perché parlo di migrazioni di massa forzate organizzate dai poteri forti. Perché scrivo di LGBTIQ (se andiamo avanti così non basteranno più le lettere dell’alfabeto) come mezzo di cancellazione di ogni identità umana e dico che nella gran promozione dei diritti civili quelli sociali vengono buttati nel cesso. Passo anche per complottista perché dico che grazie alla vergognosa pratica degli uteri in affitto (e non della surrogazione di maternità, che è una terminologia asettica da linguaggio medico e PC) nel gran bailamme retorico dei diritti alla genitorialità di quegli adulti che non possono avere figli (a parte il fatto che poi gli uteri li affittano anche coloro che possono benissimo averne) dei diritti dei bambini non si preoccupa nessuno. E passo anche per complottista perché parlo di sdoganamento progressivo della pedofilia (Segnatevi la data. Tra vent’anni al massimo sarà legalizzata).
Passo per complottista perché parlo e scrivo di questo e tanto altro.

La cosa è quantomeno curiosa. Di solito chi complotta sono i poteri forti, non un perfetto “signor nessuno” come me. Di solito chi complotta ha delle ragioni per farlo, ne tra un vantaggio, ha degli obiettivi chiari da raggiungere. Non chi come me non ha nessun ragione per farlo, non ne trae nessun vantaggio, non ha nessun obiettivo da raggiungere se non aiutare le masse ad aprire gli occhi. Non chi come me non ha nulla da guadagnare e tutto da perdere. Io non complotto per vivere. E soprattutto non mi piace farlo. La mia vita non è migliore perché “complotto”. Posso garantire che è peggiore. Io di mio ho una vita bellissima che mi sono costruito pezzetto dopo pezzetto, superando limiti e paure e cercando di liberarmi quotidianamente dalla Matrix in cui viviamo. Sono contento di dove sono ma soprattutto so dove voglio arrivare: molto più in là, molto più in alto e in tutto questo il mio scrivere e parlare di questi temi è un impiccio. I miei giorni non sono tutti facili, ma continuo ad alzarmi convinto che oggi sia un’altra meravigliosa giornata da vivere (il che aiuta a vivere bene).
Chi mi conosce e sa come vivo e soprattutto come penso e cosa provo, sa benissimo che non sono qui a contar balle. Questo per dire che con la bellissima vita che ho, avrei di ben meglio da fare che complottare.
Se lo faccio è unicamente perché altri in passato mi hanno aiutato ad aprire gli occhi sul mondo in cui viviamo e ritengo doveroso fare altrettanto.

Ma torniamo al complottismo. Scrivo in Zombies.
“I complottisti (anche detti cospirazionisti) sono, secondo i controcomplottisti, coloro che inventano teorie del complotto contro i politici, contro le grandi multinazionali, contro le banche, contro la BCE, contro i personaggi ombra che stanno dietro le grandi politiche mondiali, eccetera. La prima obiezione è che secondo questa logica, se fosse giusta, chi accusa qualcuno di complottismo si rende per ciò stesso a sua volta complottista. Infatti, è nato prima l’uovo o la gallina? Chi è il complottista? Se appena appena colleghiamo il cervello, è immediata la comprensione che il termine “teoria del complotto” è, de facto, un “complotto” in sé.
Ma a parte questo, è opportuno informare il lettore che il complottismo in quanto tale venne inventato dalla CIA (Central Intelligence Agency) che non è un organismo del tutto al di sopra di ogni sospetto. Qualche piccolo dubbio sulla integrità morale della CIA, mi si consenta, è legittimo averlo.
Scrive Richard Belzer: “… il Cia Document 1035-960 del 1° aprile 1967 esprimeva tutta la sua preoccupazione per la “reputazione” del governo statunitense relativamente alle verità che stavano emergendo con la Commissione Warren che investigava sull’assassinio del presidente John Fitzgerald Kennedy. La CIA, non sapendo come far fronte a tutti gli attacchi che sarebbero arrivati in seguito alle conclusioni della Commissione Warren, decise semplicemente di screditarle bollandole come teorie complottiste”.
Con i media a disposizione la Cia ebbe gioco facile (e i media, all’epoca, erano molto ma molto meno “a disposizione” di quanto non lo siano oggi).

Io sarò anche complottista, ma perché tutti quei politici che erano dalla parte delle popolazioni (Thomas Sankarà, John e Bob Kennedy, Salvador Allende, Jaime Roldós Aguilera, Omar Torrijos, Jorge Haider, Aldo Moro e infiniti altri) sono stati fatti fatti fuori, mentre a quelli che, nei fatti, sono contro le popolazioni (che so, i Bush padre e figlio, Regan, la Tatcher, un Blair, un Hollande, un Monti, un Renzi, una Merkel, un Macron; insomma praticamente tutti gli altri) non succede mai nulla (anzi)? Non è quantomeno strano? La cosa non dovrebbe far sorgere qualche dubbio in un cervello con un numero sufficientemente alto di neuroni connessi?

In ogni caso il fatto che io (e tanti altri come me) passi per complottista è indicativo dello stato di zombitudine in cui vive la gente. Tanto per dirne una, viviamo in un mondo in cui metà della popolazione mondiale è schiava per andare avanti fino a fine mese mentre l’altra metà muore di fame o giù di lì (il 40% del cibo prodotto viene buttato per accordi economici, ovvero per ragioni di pura speculazione finanziaria) e tutto questo è quasi considerato normale. In tutto questo il problema sono i complottisti che denunciano questo stato di cose e non coloro che le programmano e realizzano scientemente.
Del resto i media di stordimento di massa non dicono le bugie, proprio no. Essi ci “informano”. Il problema dunque non sono i media bensì le fake news dei complottisti (l’ultimo dei quali, appena iscritto a sua insaputa alla lista su wikipedia, è uno dei pochissimi giornalisti integri rimasti in Italia: Marcello Foa).
Vorrei ribadire il concetto perché è bene che il messaggio sia chiaro: il problema sono i complottisti e non chi ammazza quotidianamente 40.000 esseri umani di fame, sete e malattie correlate, non chi fa guerre, non chi affama metà popolazione mondiale e tiene schiava l’altra metà con quell’invenzione chiamata “lavoro”. Un po’ come il problema sono gli ecoterroristi e non chi devasta, taglia, sfrutta, inquina. Insomma, a parte i complottisti, va tutto bene. Benvenuti nel paese delle meraviglie.

Ma mi è venuta un’idea. Da oggi scriverò solo articoli su Cristiano Ronaldo. Così avrò molta più visibilità, molti più like, e soprattutto mi toglierò di dosso questa nomea un po’ antipatica del complottista.

Razzismo e dintorni

 

  • Leggo vari commenti sciocchi. Il razzismo non è quasi mai un’idea preconcetta delle persone: se fossero arrivati dall’Africa professori universitari e esperti nelle nuove tecnologie tutti li avrebbero accorti a braccia aperte senza guardare il colore della pelle. Ma quando quelli che arrivano non sanno fare nulla e per sopravvivere devono rubare o spacciare, o quando da dove vengono è normare stuprare e ammazzare e quindi lo fanno anche qui, è molto facile che tutti quelli che si trovano nello stesso quartiere e devono sopportarli diventino razzisti, indipendentemente dal credo politico. Salvo ovviamente i delinquenti e i mafiosi, che vedono in questo scenario la possibilità di assumere “manodopera da qualificare” … Chi non capisce questi concetti molto semplici è veramente ottuso. Ricordo anche che nelle carceri ci sono il 30% di immigrati, contro nemmeno il 10% nella popolazione. Questo è come avere una guerriglia in corso, anche se molti preferiscono chiudere gli occhi.

 

IL BENALTRISMO MALATTIA SENILE DEL SINISTRISMO, DI ROBERTO DI GIUSEPPE

IL BENALTRISMO MALATTIA SENILE DEL SINISTRISMO

Qualsiasi cosa va bene pur di evitare di fare i conti con ciò che la realtà ci impone di vedere. Un personaggio che in effetti la Rivoluzione l’ha fatta davvero, un certo Vladimir Ilic Lenin, parlava di “Prassi – Teoria – Prassi”, ovvero partire dal dato di realtà, esplorarlo, capirlo, senza fingere di non vedere ciò che non ci piace, elaborare una necessaria riflessione teorica adatta ad intraprendere un percorso di trasformazione ed infine misurare il pensiero sul campo reale per verificarne gli effetti. Tanto per esemplificare, allo scoppio della Prima guerra mondiale, mentre i socialisti europei (la Sinistra sinistrata di quei tempi) predicando la pace senza se e senza ma, finivano per votare i crediti di guerra delle rispettive nazioni (ad eccezione di quelli italiani che si erano rifugiati nella formula ancora più ipocrita del “nè aderire, nè sabotare”), Lenin parlava di trasformare la guerra da imperialista in guerra civile. Da rivoluzionario, non si poneva, nè poteva porsi, il tema dei lutti e delle sofferenze terribili che la guerra avrebbe inevitabilmente comportato, ma quello del potenziale di radicale rivolgimento che quel drammatico evento portava con sè
Ma in effetti Lenin non era di “sinistra”, era un comunista bolscevico… una bella differenza!
Un benaltrista oggi lo definirebbe certamente un cinico senza cuore nè umanità.
D’altra parte Lenin quando parlò di pace separata con la Germania, non lo fece certo per spirito pacifista, ma per poter combattere su un solo fronte contro i bianchi controrivoluzionari.
Un benaltrista dei nostri direbbe che prima di combattere i “bianchi” c’era BEN ALTRO! C’era prima da combattere contro i tedeschi (in solidarietà coi liberi alleati delle democrazie europee e americana) e poi pensare alla “giusta e sacrosanta” rivoluzione (cose che appunto dicevano i sinistri russi nel 1917 e avevano detto quelli europei nel 1914). Nel frattempo vai con le belle canzoni e con le infinite citazioni… quelle si son cose che cambiano il mondo…
Nel suo mirabile film del 1966, “La Battaglia di Algeri”, il regista Gillo Pontecorvo, mostra chiaramente che l’FNL, il Fronte Nazionale di Liberazione algerino, prima di cominciare lo scontro con i francesi in città, si preoccupò di eliminare tutta una serie di figure presenti nella Casbah, il quartiere arabo di Algeri. Erano, spacciatori, sfruttatori di prostitute ed anche mendicanti. Tutti dovevano sparire, cambiare attività e sottomettersi all’autorità del Fronte, oppure morire. Si trattava in fondo di piccole entità, parti anch’esse del popolo algerino, ma erano l’arma con cui le autorità francesi controllavano la Casbah. Spie e veicoli, magari involontari, di corruzione e disorganizzazione. In sostanza un coltello puntato alla schiena di chi si preparava ad uno scontro mortale contro un nemico potente e ferocemente determinato a prevalere.
Un benaltrista contemporaneo cosa direbbe? Direbbe: “Mentre il saggio indica col dito l’imperialismo francese, lo stolto abbaia ai diseredati ed ai piccoli delinquenti della Casbah!” Un vero Progressista, Democratico, Obamiano, Canzonettista, Citazionista, Vignettista!
Trasposto all’oggi la musichetta resta sempre la stessa: “Invece che ai migranti guarda alle multinazionali… invece che ai rom che rubano guarda a quanto ti rubano le banche…” e via cantando. I benaltristi sinistrati non vedono, ma io comincio a pensare che soprattutto NON VOGLIONO VEDERE che i copertoni bruciati che intossicano un intero quartiere senza che nessuna autorità muova un dito, la ladruncola che ti fotte il portafoglio in metropolitana e che non può essere arrestata perchè minorenne, gli spacciatori bianchi o neri che occupano impuniti parchi e piazze, i ladri che ti entrano in casa e ti fanno sentire come stuprato, magari due o tre volte a distanza ravvicinata, i senza tetto che bivaccano nei giardini pubblici o che lordano di feci e urina un parco giochi per bambini (tutte cose comuni che conosciamo benissimo), sono ferite sanguinose nel corpo sociale, lo spezzano e lo disgregano, lo respingono verso il degrado ed IMPEDISCONO DI FATTO la possibilità di aggregare attenzione ed azione contro i veri dominanti. Sono sabbia negli occhi che non uccide ma acceca ed impedisce di vedere le minacce più grandi.
Senza bisogno di scomodare concetti rivoluzionari, basta vedere che quei paesi, anche extra europei, in cui l’attenzione dell’opinione pubblica ai propri diritti nei confronti dei dominanti è più alta ed efficace, sono proprio quelli dove queste continue microfratture sociali sono mal tollerate e ridotte al minimo.
Una sinistra che non fosse stata sinistrata, meno arrogante e parolaia, meno inutilmente innamorata di se stessa e delle proprie canzonette, avrebbe affrontato per tempo questi temi proprio perchè cosciente della loro decisività nella lotta contro i dominanti.
Ma la sinistra è vecchia, è muffa, è anchilosata e residuale. Era già morente nel 1914 e nel ‘17, ma ha finto di ringiovanirsi sull’onda lunga delle rivoluzioni comuniste ed ora che quell’immane lotta ha avuto il suo epilogo, ecco che riemerge il cattivo odore. Ai voglia a tentare di coprirlo con le vignette e le citazioni pescate qua e là.
E’ il Benaltrismo, malattia senile del Sinistrismo.

Omosessuali, Barbara D’Urso vs Ministro Fontana

Riporto solo alcuni commenti che sento in sintonia col mio pensiero:
Ma basta ha detto la sacrosanta verità per legge non esistono e appena uno esterna un pensiero che non sia a favore dei Gay subito viene attaccato,peggio che se avesse ucciso.
Omosessuali per me potete fare quallo che volete fra di voi,ma se vi volete sentire integrati è ora di non trasformare dichiarazioni neutre come atti di guerra.
 Ah bhè… Se è contraria la D’Urso, il ministro Fontana si cagherà nelle mutande dalla paura! Ahahahahah….. Ma approfondiamo il concetto in questione… La famiglia è qualsiasi tipo di amore? Bene! Quindi, una persona che vive con un cane e/o con un gatto è una famiglia, giusto? Provano amore l’uno verso l’altro! Ed un uomo (o una donna) che vive con una bambola gonfiabile? Dovrebbe essere considerata una famiglia se usiamo il “metro D’Urso”! Fin dove vogliamo spingerci?
La famiglia è qualsiasi tipo d’amore…Quindi un pedofilo è un buon papà. Ma basta con ste arruffabudelle alla D’Urso.
Anche un prato senza fiori è un prato…ma di erbacce e senza profumo

Dalai Lama

Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; più comodità, ma meno tempo; più lauree, ma meno buon senso; più conoscenza, ma meno giudizio; più esperti, ma più problemi; più medicine, ma meno salute. Abbiamo fatto tutta la strada fino alla luna e indietro, ma abbiamo problemi ad attraversare la strada per incontrare il nuovo vicino. Costruiamo più computer per contenere più informazioni e produrre più copie che mai, ma abbiamo meno comunicazione. Siamo migliorati sulla quantità, ma peggiorati sulla qualità. Questi sono i tempi dei fast-food e della digestione lenta; dei grandi uomini, ma dai piccoli caratteri; profitti veloci, ma relazioni di poco valore. E’ un tempo in cui c’è molto fuori dalla finestra, ma poco nella stanza

Dalai Lama

Ravenna, 18enne violentata e filmata con smartphone: 2 arresti

 

  • Notate che le ragazze non commentano? Perché subiscono il lavaggio del cervello delle femministe che sono pro immigrazione. Si è scoperto che alcune femministe mettevano a tacere i crimini sessuali commessi da immigrati. La verità è che dietro al movimento femminista c’è Open Society Foundations di Soros, che per strana coincidenza finanzia le ONG degli Sbarchi, Finanzia iniziative pro immigrati e finanzia anche movimenti gay e femministi. Perché? Perché con la scusa dell’anti razzismo, omofobia, ecc vogliono che il popolo italiano subisca passivamente la sostituzione etnica. E le donne si bevono la storia delle femministe. Quanto vorrei che le donne aprissero gli occhi su cosa è davvero il femminismo oggi! Come le volontarie a Calais che facevano orge di sesso con i migranti. Spero qualche donna mi legga ed apra gli occhi. Un abbraccio!

 

Indipendestisti

 

  • Ogni popolo, comunità ha diritto di vivere come desidera, non c’è ONU o costituzione che lo possa impedire, la volontà di una comunità o di un popolo è quella che conta. Questi problemi sono tutti risolvibili con diplomazia e dialogo , altrimenti c’è solo repressione e violenza.

 

Non può esistere il reato di opinione in una democrazia

Fonte: Massimo Fini
Ero partito per le vacanze (in Corsica, “il luogo più vicino più lontano
dall’Occidente” come lo definisco) inseguito fin sulle scalette del
ferry dalle furibonde polemiche accese dalla ‘legge Fiano’ che vuole
introdurre il reato di ‘apologia di fascismo’. Noi italiani siamo
specializzati nelle polemiche inutili, quanto feroci, ma ci appassionano
particolarmente quelle catacombali. Ritorno dopo un mese e di quelle
polemiche, per il momento, non c’è più traccia perché la ‘legge Fiano’
non è ancora al vaglio del Parlamento. Ne trovo però una eco in un
episodio, apparentemente marginale, accaduto in un piccolo paese del
milanese, Corsico. L’assessore alle Politiche sociali Pietro Di Mino è
stato costretto a dimettersi per aver fatto sul suo profilo Facebook,
quindi in sede privata, gli auguri di compleanno a Benito Mussolini
nell’anniversario della nascita.
Per altro non è la prima volta che qualcuno viene condannato per
apologia di fascismo anche senza che sia prevista una fattispecie
specifica che contempli questo reato. Nel 2015 sedici ragazzi furono
condannati a un mese di reclusione per aver fatto il saluto romano,
ricorrendo alla legge Scelba del 1952 che vieta la ricostituzione, in
qualsiasi forma, del partito fascista. E numerosissimi sono i casi,
anche se qui siamo fuori dalla sede penale, in cui delle persone sono
state discriminate o ferocemente attaccate per aver pronunciato parole o
fatto gesti che si richiamavano in qualche modo al fascismo.
Matteo Renzi si incazza e mi indica al pubblico ludibrio con nome e
cognome (brutto vizio che, per la verità, appartiene anche ai grillini)
se scrivo che gli italiani sono diventati una massa di ignoranti. È che
con gli italiani bisogna sempre ricominciare tutto da capo. Dal punto e
dalla virgola. Cioè chiarire cose che dovrebbero essere elementari. In
un’autentica democrazia non possono esistere reati di opinione. Anche le
idee che ci paiono più aberranti devono avere diritto di cittadinanza. È
il prezzo che la democrazia paga a se stessa. Se non vuole trasformarsi
in una sorta di teocrazia laica. Il solo discrimine è che nessuna idea,
cattiva o buona che sia, può essere fatta valere con la violenza.
I Codici Penale e di Procedura Penale di Alfredo Rocco, giurista del
regime fascista, erano tecnicamente ineccepibili, prima che la
sciagurata riforma del mio maestro Gian Domenico Pisapia, quell’innesto
malriuscito fra sistema accusatorio e inquisitorio, non ne facesse
scempio. Bastava depurarli dei reati liberticidi propri di una
dittatura. Invece non solo li abbiamo conservati (tutti i reati di
vilipendio alle Istituzioni, alla bandiera, eccetera) ma ne abbiamo
aggiunto degli altri. Abbiamo accennato alla legge Scelba del 1952 che
proibisce e punisce la ricostituzione, in qualsiasi forma, del partito
fascista. All’epoca era comprensibile. Uscivamo da un sanguinoso
conflitto civile e da una vergognosa sconfitta (anche se poi, nel nostro
immaginario autoconsolatorio, l’abbiamo trasformata in una
quasi-vittoria) a cui proprio il fascismo ci aveva portato. C’erano
troppi nervi scoperti. Oggi a 72 anni di distanza da quegli eventi, la
legge Scelba ha perso il suo senso.
Più recentemente se ne sono aggiunte altre, come la legge Mancino del
1993 che punisce con pene severe “chi diffonde in qualsiasi modo idee
fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico”. L’odio è un
sentimento, e in quanto tale incomprimibile. Come l’amore. Come la
gelosia. Come l’ira. È la prima volta, che mi risulti, che si cerca di
mettere le manette anche ai sentimenti. Io ho il diritto di odiare chi
mi pare e piace. Ma è ovvio che se gli torco anche solo un capello devo
andare diritto e di filato in gattabuia. Naturalmente è poco
intelligente odiare intere categorie di persone (“Ogni uomo è unico e
irripetibile” è una delle poche cose sensate dette da Papa Wojtila nel
suo disastroso venticinquennio di pontificato) ma bisogna accettare
anche la cretineria umana, altrimenti dovremmo fare piazza pulita (con
apposite leggi) di qualche miliardo di persone, a cominciare da noi stessi.
Quel che non si riesce proprio a far capire è che un principio, se vuole
rimanere tale, non può ammettere deroghe (è il dilemma di Creonte
nell’Antigone di Sofocle). Se lo si scalfisce, anche con le migliori
intenzioni, anche solo marginalmente, si sa da dove si comincia ma non
dove si va a finire. Anzi, lo si sa benissimo. Si finisce con
l’espellere dalla società tutto ciò che è contrario alla ‘communis
opinio’. Cioè proprio nel fascismo. Reale e culturale.

In democrazia tutte le idee sono legittime, anche le più aberranti. Naturalmente finché restano idee e il depositario sia in grado di argomentarle. Ma da questo Toscani non ho mai ascoltato una sola benché minima argomentazione a sostegno di quanto dice né è in grado di recepire o confutare argomentazioni contrarie; è solo capace di ergersi a censore dall’alto di una supposta superiorità morale, intellettuale e culturale che gli deriva evidentemente dall’essersi guadagnato da vivere fotografando donnine più o meno vestite per pubblicizzare prodotti commerciali di qualsiasi tipo.

1 2 3